Avete trovato un errore
nei contenuti?

MammBook

Tipi di parto

Parliamo di come vorremmo partorire...Casa? Ospedale? Acqua?

Aggiungere blog Aggiungi Album
...
28 settembre 2015 21:26 Claudia aggiunto il nuovo diario

Parto indotto

Il parto indotto è stata una metodologia di parto sconosciuta fin quando non sono entrata nel mondo delle mamme.Del cesareo ne ho sempre sentito parlare,anche del parto in casa,in acqua,insomma il parto indotto suonò alle mie orecchie come qualcosa di strano.Ne sento sempre più parlare come se capitasse sempre di più.
Per rottura precoce delle membrane inducono il parto se ovviamente il travaglio non parte spontaneamente,per parto oltre il termine anche e sicuramente per altri fattori medici che non conosco.
Dicono che le contrazioni da travaglio indotto siano subito belle toste, poichè partono senza che il nostro corpo sia abituato.Chissà che brusco risveglio è per il piccolo nascituro.Si usa indurre il travaglio tramite prostaglandine od ossitocina. La prima viene applicata sotto forma di gel o strisce di stoffa inserite in vagina.La seconda viene iniettata per via endovenosa già a travaglio attivo per intensificare le contrazioni e accellerare il parto.
Quando si parla di induzione è bene specificare anche i rischi che potrebbe comportare:
L'utero sollecitato artificialmente può rimanere contratto e pregiducare una cattiva ossigenazione del bimbo.Aumenta il rischio di distacco della placenta e  c'è anche il rischio che l'induzione fallisca e finisca in cesareo.
Solitamente le ostetriche conoscono  molti metodi naturali per far avviare il travaglio spontanamente.Altre volte l'induzione però è necessaria.
Qualcuna ci racconta la propria esperienza?

...
...
24 settembre 2015 14:33 Claudia aggiunto il nuovo diario

parto in acqua

Come tutte sapete al giorno d'oggi esistono varie alternative al parto tradizionale,anche se resta comunque la cosa più naturale del mondo.
La donna oggi può valutare e scegliere in base alle proprie esigenze come affrontare il parto.
Il parto in acqua è una modalità sicura sia per il neonato che per la madre.Ovviamente parliamo sempre di gravidanze senza patologie o rischi.Bimbi cresciuti nella norma, ci sono rigidi protocolli per far si che si possa  provare a partorire in acqua,e capita anche che vada tutto bene ma alla fine il parto in acqua vada a monte.
Migliora il rilassamento materno,e riduce di granlunga la richiesta dell'analgesia epidurale,per questo motivo in questi anni si è rapidamente diffuso.
Immerse in acqua calda è più facile cambiare posizione raggiungendo una sensazione quasi di benessere.Sicuramente l'ansia legata al parto diminuisce e ho letto da qualche parte che anche il perineo si elasticizza di più riducendo quinid anche la necesittà di episiotomie.
Non conosco nessuna mamma personalmente che abbia partorito in acqua. Io stessa non ho provato, e neanche in travaglio ho fattola famosa doccia,ho letto però bellissimi racconti sul web e su libi di parti in acqua,ho anche visto bellissimi video.
Se dovrà esserci un altr gravidanza il mio sogno resta quello di farlo nelle mie 4 mura,sicuramente mi farei portare la piscina dalle ostetriche!
3590735a61b347a47238768a81cabca7.jpg

...
...
21 settembre 2015 22:58 Claudia aggiunto il nuovo diario

Parto domiciliare

Il parto in casa mi ha sempre affascinata.
Mia nonna ha partorito in casa mio padre,e anche un altra zia è nata in casa.
Partoriscono in casa donne sane e in buona salute che vengono definite a basso rischio.
Partorire in casa è una alternativa sicura , lo dice anche l' OMS (organizzazione mondiale della sanità).. libertà di scelta sulla propria salute.
Ovviamente si partorisce in casa accompagnate dalle ostetriche,che solitamente sono due.La scelta dell'ostetrica è molto importante ed è consigliabile fare la sua conoscenza nei primi periodi della gravidanza (al max max entro la 30esima settimana) in maniera tale da stabilire un rapporto di fiducia. Il ruolo dell'ostetrica è fondamentale,diventa un amica,una confidente,una maestra.
Ci sono dei protocolli ben rigidi per poter partorire in casa,deve essere tutto perfetto.
L'unico problema del parto in casa è il costo! Una bella cifra si;si paga la reperibilità delle ostrtriche dalla 37esima settimana fino la 42esima e la presenza al momento del parto,la visita il giorno dopo..Almeno nell'associazione dove sono stata io funzionava così.

...