Avete trovato un errore
nei contenuti?

MammBook

Dolori dopo il parto... AnChe a distanza di tempo

Problematiche fisiche dopo il parto

Aggiungere blog Aggiungi Album
...
29 settembre 2015 14:08 Elena C. aggiunto il nuovo diario

Baby blues

Il baby blues o anche conosciuto come sindrome del terzo giorno non è altro che un malessere il più delle volte transitorio che si manifesta dopo il parto, è un malessere rivolto al neonato, associato ad irritabilità e umore depressivo di lieve intensità. Solitamente si manifesta 2 o 3 giorni dopo il parto e dura per un massimo di dieci giorni circa; la madre si sente stanca sia a livello fisico che a livello mentale e le continue domande sono rivolte al fatto se riuscirà o meno a prendersi cura del piccolo appena arrivato.Tutto questo è causato dallo stress psico fisico che vede coinvolta la donna durante e dopo il travaglio e dallo sbalzo repentino degli ormoni femminili e dall'ansia per l'aumento di senso di responsabilità nei confronti della famiglia. Statistiche affermano che circa l'80% delle mamme soffre di baby blues ma solo il 20% non riesce ad uscirne trasformando così il tutto in vera e propria depressione post parto.Un valido aiuto a contrastare il baby blues è il dialogare con altre donne ma soprattutto con il proprio partner, manifestando apertamente senza filtri le nostre paure, i nostri dubbi e le nostre aspettative. Siamo donne, umane e nessuno e nato genitore, ci si diventa con il tempo e proprio il tempo aiuta a perfezionarsi.Personalmente penso di aver sofferto di Baby blues esattamente il secondo giorno, Giorgia aveva pianto tutta la notte ed assieme a lei anche tutti gli altri bimbi presenti in stanza, loro però l'indomani sarebbero stati dimessi e io non volevo più star li, presi allora il telefono e mandai un messaggio al ginecologo che mi aveva seguito chiedendoli di passare in reparto. Lui arrivò nel pomeriggio e gli manifestai il mio desiderio ad essere dimessa, allora senza indugio mi visitò e scrisse lui stesso la lettera di dimissioni da presentare all'indomani al medico di turno. Anche quella seconda notte Giorgia non dormì e quando le altre mamme preparavano le valigie mi ritrovai chiusa in bagno a piangere, amavo quell'esserino ma mi stava sfinendo ed ero appena all'inizio, fortunatamente passò un'ostetrica molto gentile alla quale spiegai cosa non andava, lei prese Giorgia e mi accompagnò in una stanzetta dove mi fece riposare per un'oretta ma a me sembrò un'eternità e bastò a ricaricarmi, ma su suo consiglio decisi di rimanere li anche l'ultima notte. Quando arrivò il mio compagno convinto di riportarci a casa gli spiegai l'accaduto e fu d'accordo con me che io e Giorgia trascorressimo un altra notte in ospedale. I giorni a seguire a casa non furono una passeggiata, la montata lattea arrivò solo il lunedì successivo quindi Giorgia piangeva e piangeva ma avevo il supporto del mio uomo ed anche un po' di mia mamma. Proprio per esperienza personale consiglio a tutte le donne che si trovino in questa situazione di dialogare, dialogate più che potete, è solo l'inizio tutto può essere risolto non serve nascondersi è tutto normale, è uno stato quasi fisiologico!!!
0d443e2eac8272c47422b1b325008a82.jpg

Immagine presa da internet

...
...
26 agosto 2015 11:19 Giulia aggiunto il nuovo diario

Mal di testa

Non so se questo dolore mi è venuto dopo il parto oppure è dovuto a qualche altra cosa (alla stanchezza ad esempio, o alle urla del bimbo) ma prima della gravidanza non avevo MAI il mal di testa, non sapevo proprio cosa vuol dire. Dopo aver partorito invece già da tre anni che mi viene spesso il mal di testa forte. Posso averlo per tutto il giorno intero e non passa. Non voglio prendere i medicinali specifici perché dopo non potrò fare a meno. Mia nuora che è una infermiera mi ha consigliato di usare le gocce di novalgina e così li prendo un giorno sì e un giorno no! Un pò troppo spesso! Quasi tutti i giorni ho il mal di testa, mi sono stancata di questo problema e non so come fare. Non è normale, magari mi manca qualcosa, qualche elemento minerale nell'organismo, perchè secondo me questo mal di testa così spesso è un'anomalia!!!

...
...
22 agosto 2015 09:38 Deborah aggiunto il nuovo diario

Non è sempre domenica.. Parte 2

Ho omesso un altro piccolo, grande problema: la stitichezza.Prima della gravidanza e durante tutti i nove mesi non ha mai avuto alcun tipo di problema, MAI.Il mio intestino funzionava perfettamente, meglio di un orologio svizzero; dopo il cesareo qualcosa è cambiato, si è spezzato quel magnifico equilibrio.Premetto che sono rimasta con la fobia che mi saltino i punti interni fin dal giorno dopo l'operazione è quindi questo mi frena un pochino.. Ma davvero, quando si arriva al sesto giorno senza esser riusciti ancora a scaricarsi.. La cosa si fa seria. Un mal di pancia che non sto a raccontare, eppure mangio tantissima frutta e verdura, bevo si e no due litri e mezzo di acqua al giorno e faccio tanto camminare.. Nulla! Sono arrivata a dover utilizzare tre, e dico TRE supposte di glicerolo! Sapevo della stitichezza post parto.. Ma non pensavo ad una cosa simile, uff

...
...
20 agosto 2015 11:34 Chiara aggiunto il nuovo diario

i punti

Quando ho partorito Francesca per circa 3 settimane ho avuto dei dolori terribili derivanti dai punti. Ho avuto una lacerazione di secondo grado. Un dolore acutissimo. La prima notte in ospedale mi hanno dato la tachipirina perché non riuscivo proprio a tollerare il dolore. Quando camminavo sentivo tutto tirare,credo conosciate tutte la sensazione. Ho fatto fatica ancora per tre settimane dopo la dimissione sembrava che la situazione peggiorasse (infatti dopo qualche giorno sono tornata in ospedale per un controllo) ma era solo perché i punti si stavano riassorbendo. Spero la prossima volta non succederà ancora una lacerazione cosi grande e dolorosa spero i miei muscoli abbiano imparato la lezione!! Scherzi a parte,spero che non faccia di nuovo cosi male!!! Dopo 2 mesi abbiamo ripreso i rapporti intimi e le prime volte sentivo ancora dolore.

...
...
20 agosto 2015 10:37 Deborah aggiunto il nuovo diario

Non è sempre domenica

La mia gravidanza é stata uno spettacolo, niente dolori, pochissime nausee i primi due mesi e neanche la possibilitá di avvertire mezza contrazione causa cesareo d'urgenza. A quasi tre settimane dal suddetto cesareo, sono riuscita a perdere tutti i kg accumulati durante la gravidanza, non che fossero molti (circa 10 ) ma si facevano comunque sentire; la pancetta é quasi del tutto sparita.. Mi é rimasto l'ombelico un pelo fuori sede ma spero sia questione di tempo prima che ci ritorni, mi fa impressione!Tutto una meraviglia.. Se non fosse per questi dannatissimi morsi uterini, i quali non mi danno tregua e si intensificano maggiormente nei momenti in cui allatto la bimba; per non parlare poi del dolore causato dai punti interni i quali non mi permettono, a volte, di muovere bene la gamba sinistra e di alzarmi dal divano senza sentire un bruciore pazzesco. In sostanza, una gravidanza spettacolare, ma tutto il dolore che non ho provato prima lo sto sentendo in questi giorni! 

...
...
12 agosto 2015 00:00 Giulia aggiunto il nuovo diario

Gambe gonfie

Qualche mamma ha lo stesso problema come il mio? Quando ero incinta quasi per tutto il periodo di gravidanza avevo le gambe gonfie. Ultimi mesi della gravidanza ho dovuto portare le scarpe 2 misure più grandi del solito perché non riuscivo a mettere addosso niente, neanche le pantofole. E da quando ho partorito ho sempre le gambe e soprattutto i piedi gonfie! Bevo tanta acqua durante il giorno, cerco di farle riposare, faccio i bagni con l'acqua fredda... Cerco di non mangiare troppo sale e il cibo salato, mangio un sacco di frutta... Non lo so, questi piedi gonfie mi fanno disperare, anche perché non posso mettere mai le scarpe con i tacchi. E pure sono anche bassa di altezza. Magari la cosa è dovuta non al fatto di partorire ma al fatto che sono tutto il giorno sto in piedi, a casa e al lavoro... 

...
...
25 luglio 2015 23:17 Giulia aggiunto il nuovo diario

Dimagrire

Ho partorito più di tre anni fa e ancora non sono ritornata in forma neanche un pò. Mi sento grassa e mi sento un'altra donna, non è quella che ha sposato mio marito. Poi lui lavora tanto, torna la sera tardi, ogni tanto fa la cena con gli amici o i partner, insomma, inizio a sentire anche la gelosia. Sopratutto quando lui mi ha detto che non vuole prendermi come segretaria nel suo ufficio (stanno cercando) perchè... si paga poco e anche perchè potremmo iniziare a litigarsi sul posto del lavoro. Meglio non prendere come dipendenti i familiari. Lo capisco e in fondo sono d'accordo con lui, ma penso anche che se fossi una bella donna MAGRA tipo mezza modella, mi avrebbe preso subito... Che la causa è che non sono ben presentabile secondo lui...

...
...
17 luglio 2015 02:12 Maristella aggiunto il nuovo diario

Depressione post-parto

Bisogna tener presente che: Il trattamento della psicosi post parto può rimettere in discussione la capacità della madre di allattare il proprio bambino. Infatti, la separazione dal piccolo rende l'allattamento al seno difficile, e alcuni trattamenti utilizzati per la psicosi post parto non sono raccomandati per le donne che stanno allattando.

La depressione post parto non è generalmente una condizione che si può trattare per conto proprio, ciò nonostante si può fare qualcosa di concreto per se stessi che aiuti a costruire il proprio piano terapeutico e renda più rapida la guarigione, come ad esempio:

Scegliere uno stile di vita salutare. Questo include l'attività fisica regolare, come ad esempio una passeggiata con il proprio bambino da includere tra le attività quotidiane. Mangiare in maniera sana cibi sani ed evitare gli alcolici; Porsi delle aspettative realistiche senza far pressione a se stessi per ogni cosa che si ha da fare. Ridimensionare le proprie aspettative sull'esistenza di una vita familiare perfetta. Fare ciò che si riesce, lasciando perdere il resto. Chiedere aiuto quando se ne ha bisogno. Prendersi il tempo necessario per se stessi. Se ci si sente come se il mondo fosse contro di noi, imparare a ritagliarsi il proprio spazio, ad esempio vestirsi, uscire di casa, far visita ad un amico o programmare un po' di tempo da soli con il proprio partner. Rispondere positivamente. Quando ci si trova in una situazione negativa, focalizzare la propria mente su un pensiero positivo. Anche se una situazione indesiderata non cambia, si può cambiare il modo di pensare e comportarsi di conseguenza: un breve corso di terapia comportamentale può aiutare ad imparare come fare questo. Evitare l'isolamento. Parlare con il proprio partner, con la propria famiglia e con i propri amici del proprio stato d'animo e dei propri sentimenti. Chiedere ad altre mamme la loro esperienza. Chiedere al proprio medico informazioni sull'esistenza di un possibile supporto locale che preveda una terapia di gruppo per neomamme o donne che hanno sofferto di depressione post parto. Ricordarsi che il modo migliore per prendersi cura del proprio bambino è prendersi cura anche di se stessi.

...
...
15 luglio 2015 15:40 Monica aggiunto il nuovo diario

Post parto

Da quando ho partorito 3 anni fà ogni Tanto quando in certi periodi sforzo troppo la schiena poi mi blocco tutta con dolori lombari che prendono anche le gambe. Ho fatto accertamenti ed è tutto ok.L'unico modo è punture di voltaren e muscoril!Sicuramente è dovuto perchè devo perdere ancora 10 kg :( Qualcuna nella mia stessa situazione??
Ciao ciao

...