Avete trovato un errore
nei contenuti?

MammBook

Lo sviluppo del bambino da 1 anno e 3 mesi a 1 anno e 6 mesi
Altezza (cm): 76.97-79.45
Peso (kg): 10.52-11.40
Circonferenza cranica (cm): 47-48
Circonferenza del torace (cm): 48-49

Circa a 12 mesi il bambino è pronto a muovere i primi passi. Però altri 6 mesi  ci deve mettere per perfezionare questa nuova capacità e poter camminare da solo in modo sicuro. 

Lo sviluppo del bambino da 1 anno e 3 mesi a 1 anno e 6 mesi.

All’inizio il bimbo fa molta fatica a mantenere l’equilibrio perciò lo perde molto spesso e cade. Queste cadute sono inevitabili ma non preoccupatevi  perchè i muscoli dei bimbi sono rilassati e non possono farsi male seriamente. Questo non significa però che non dovete prendere le misure della sicurezza. Non lasciate mai il piccolo da solo, togliete tutti gli oggetti che possono essere  pericolosi per lui e non perdetelo di vista. Come si sa è meglio prevenire un problema ma non tormentate il bimbo con i divieti continui e non andate in panico qualunque cosa avvenga.

Alzandosi il bambino allena i muscoli. Quando fa qualsiasi movimento e anche cade il suo senso di equilibrio si perfeziona, lui acquista le esperienze nuove e comincia ad orientarsi sempre meglio nello spazio. Per questo motivo non mettetevi subito ad aiutare e sollevare il bimbo caduto, lasciatelo provare ad alzarsi da solo. Il bimbo deve imparare ad affrontare le difficoltà senza aiuto di nessuno altrimenti in futuro  non smetterà di chiedere il vostro sostegno in continuazione.

Però la vostra partecipazione e l’approvazione sono estremamente necessarie per il piccolo. Se lo incoraggiate con le parole tenere lui non si stancherà di rialzarsi e fare nuovi tentativi . Se lo vedete nervoso abbracciatelo e consolate.

Se dopo esser caduto il bambino è svenuto oppure è iniziato il vomito o lui si comporta non come al solito (il bimbo attivo e vivace vuole andare a letto e il bambino sempre calmo è troppo agitato) rivolgetevi subito al medico.

Il processo del camminare regala al bambino una grandissima soddisfazione e gli permette di raggiungere dei nuovi traguardi importanti. Dopo l’esperienza di cadute il bimbo diventa piu cauto e camminando si regge ai mobili e misura la distanza da percorrere con lo sguardo. Gli piace superare le difficoltà ma quando si impadronisce completamente di questa nuova abilità il suo interesse diminuisce. 

Lo sviluppo fisico.

  • Cammina in modo sicuro in qualsiasi direzione.
  • Sa girarsi e saltellare.
  • Corre ma ancora non troppo sicuro.
  • Si inchina raccogliendo un giocattolo (prima si sedeva per prenderlo).
  • Fa le scale con un piccolo sostegno.
  • Cerca di scappare dal suo box.
  • Si arrampica sui mobili, scende dal seggiolino.
  • Tira bene la palla con la mano.
  • Calcia la palla, ma qualche volta manca il colpo.
  • E’ seduto sul seggiolino con sicurezza.
  • Sa mangiare da solo essendo seduto a tavola con tutta la famiglia sul suo seggiolino.
  • Come prima apre in continuazione le porte di tutti gli armadi, scaffali e comodini, esamina il contenuto dei cassetti, tira fuori tutto.
  • Prova a giocare con giocattoli a carica.
  • Scarabocchia volentieri con la matita.

Lo sviluppo psichico

  • Con grande interesse esplora i nuovi spazi  controllando tutti gli angoli.
  • Distingue abbastanza bene gli oggetti per la loro forma e la dimensione dividendo cubetti e anelli. E’ in grado di costruire una piramide scegliendo anelli  correttamente per grandezza.
  • Ricorda bene le immagini nei libri e se lo chiedono di trovarne uno (“fammi vedere un cagnolino” ecc.) sfoglia veloce il libro e subito fa vedere l’immagine necessaria.
  • Costruisce le torrette di quattro-cinque cubetti.
  • Conosce i nomi delle parti del corpo.
  • A lui piace giocare a nascondino.

Che cosa dovrebbe allarmare i genitori?

Nel vocabolario del bimbo non c’è nessuna parola sensata. Il bambino non è capace di soddisfare la richiesta piu semplice, non sa battere le mani, non ha cominciato a camminare entro il diciottesimo mese, manifesta le sue esigenze con il pianto, non si accorge dell’assenza dei genitori.

Quale tipo di ginnastica è consigliabile per bambini di questa età?

Vi serviranno giocattoli divertenti, una tavola larga,  una palla grande, palline piccole, bastoni, una panchina, una cordicella, due sedie.

Camminare sul sentiero.

Delimitate con cordicelle o nastri un “sentiero” largo 35-40 cm e lungo 2 metri. Chiedete al bimbo di camminare sul sentiero su e giu. Ripetete alcune volte.

Superamento degli ostacoli.

Mettete alcuni bastoncini a distanza 25-30 cm uno dall’altro. Chiedete al piccolo di fare tutta la strada mantenendo equilibrio. Ripetete 3-4 volte.

Strisciare sotto la corda.

Legate una corda a 25-35 cm dal pavimento. Facendo vedere al piccolo un giocattolo dall’altra parte della corda chiedetegli di strisciare sotto per afferrarlo. Ripetete 4-5 volte.

Tirare la palla grande.

Date al bimbo in mano una palla grande. Chiedetegli di tirarla su in avanti e dopo la raccoglie da solo. Ripetete 4-6 volte.

Superamento degli ostacoli 2.

Mettete una panchina bassa e chiedete al bimbo di superarla per prendere il suo giocattolo. Aiutatelo un po’ se ne ha bisogno. Ripetete 2-3 volte.

Camminare sulla tavola inclinata.

Fissate bene una tavola larga così che una sua estremità sia 10-15 cm piu alta dell’altra. Tenendo il bimbo per mano fatelo salire e scendere. Ripetete 2-4 volte.

Tirare le palle piccole.

Il bimbo sta in piedi senza sostegno. Dategli in mano due palle una per una mano. Chiedetegli di tirarle in avanti prima con una mano poi con l’altra. Ripetete 4-6 volte.

Giochiamo a cavallino.

Mettete  sul bimbo “le briglie” e chiedetegli di correre 40-50 secondi  non troppo veloce come un vero e proprio cavallo.

Inseguire il bimbo che scappa.

Fate finta di voler afferrare il bimbo che scappa. Fatelo correre 30-40 secondi.